Stampa
PDF

Sintomi e segni di patologia alcol correlata

La sintomatologia nella fase acuta di assunzione di alcol è caratterizzata prevalentemente da quadri neurologici e neurovegetativi quali euforia, depressione, irritabilità, vertigine, vomito disturbi della deambulazione, abburattamento dell'eloquio fino ad arrivare perdita di coscienza e coma. L' assenza di sintomi non è assolutamente un segno della resistenza dell'organismo agli effetti tossici dell'alcol ma è solo dovuta a particolari corredi enzimatici e alla biodistribuzione dell'esotossico nell'organismo stesso. Tuttavia, la completa assenza di sintomi durante l'ingestione di alcol, non esclude la possibilità di comparsa nel tempo di danni tossici d'organo.

La possibilità di sviluppare danni cronici da alcol è in relazione a molteplici variabili quali la quantità, modalità e tempo di consumo ma anche in relazione alle caratteristiche intrinseche del soggetto. Le manifestazioni cliniche più frequenti da consumo cronico di alcol sono sostanzialmente causate dai danni neurologici, cardiovascolari, pancreatici ma soprattutto epatici.

Dal punto di vista neurologico, si possono manifestare sintomi quali parestesie agli arti, difficoltà alla deambulazione in relazione a neuropatie periferiche ma anche tremori, allucinazioni e talvolta stati depressivi prevalentemente correlati con la dipendenza da alcol.

A livello cardiologico possono manifestarsi cardiopatie alcoliche che in stadi avanzati possono esitare nello scompenso cardiaco.

Il fegato è l'organo più colpito dagli effetti tossici dell'alcol in quanto è la sede del suo metabolismo: a livello epatico causa epatopatia cronica che talvolta può esitare nella cirrosi epatica. La cirrosi epatica può presentare talvolta sintomi di una particolare gravità ed elevati tassi di mortalità; i sintomi più frequenti sono l'ascite, edemi agli arti inferiori, ittero sclero-cutaneo, emorragie digestive da rottura di varici esofagee e un quadro neurologico caratterizzato da tremori irritabilità talvolta disorientamento e coma da encefalopatia porto-sistemica.

Sono altresì frequenti sintomi secondari ai disturbi emocoagulativi presenti nel paziente cirrotico quali ematomi, emorragie gengivali, epistassi e gastrointestinali.

Un altro sintomo frequente è il dimagramento, causato sia dallo stato di malnutrizione spesso concomitante al consumo di alcol ma anche causato dal danno pancreatico con successiva insufficienza pancreatica e malassorbimento. Talvolta esistono manifestazioni dolorose addominali da pancreatite acuta o cronica secondarie al consumo acuto o cronico dell'alcol.

Paolo Borro

Gastroenterologo Ospedale San Martino di Genova

Elena Finotti

Medico Specialista in Tossicologia Medica

BANNER_CARTA_EUROPEA_ALCOL
alcoliceberg_ragazza
ragazzo_02
ragazza_02
assoutenti_logo aics comune genova coni fiepet fisar provincia_genova regione liguria sia silb unicef